Barcellona 1929 - Le coniazioni ufficiali di Expo Milano 2015

Vai ai contenuti

Menu principale:

Barcellona 1929

La Storia > Le Esposizioni Storiche

L'expo del 1929 si tenne a Barcellona, presso un'area di circa 118 ettari sul Montjuic. Vi presero parte 20 Paesi, tra cui Germania, Francia, Italia, Belgio, Norvegia e Danimarca.
La città catalana aveva già organizzato l'esposizione del 1888, occasione grazie alla quale venne ristrutturato l'importante "Parc de la Ciutadella". Per tale motivo, si decise di allestire una nuova manifestazione che mostrasse, al resto del Mondo, i sempre maggiori sviluppi tecnologici della Catalogna.
Anche stavolta, venne ridisegnato urbanisticamente un intero quadrante della città: la collina del Montjuic e la Plaça d'Espanya. Le strade vennero ripavimentate, i servizi di comunicazione e trasporto decisamente migliorati, il centro dell'evento non fu smantellato e divenne la "Fiera di Barcellona", ancora oggi in funzione.
L'expo, quindi, si rivelò un autentico motore di sviluppo per la metropoli catalana, anche dal punto di vista degli stili architettonici, tra cui grande importanza ebbe una delle più importanti correnti dell'avanguardia internazionale: il razionalismo simboleggiato dal padiglione tedesco allestito dall'architetto Ludwig Mies van der Rohe.
All'inaugurazione della fiera, avvenuta il 19 maggio del 1929, partecipò il re Alfonso XIII, il presidente del governo Miguel Primo de Rivera ed un pubblico di circa 200000 visitatori.
Nonostante il drammatico crack della borsa di New York del 29 ottobre 1929, che ridusse drasticamente il numero dei partecipanti all'evento, l'esposizione si rivelò un grande successo sociale per Barcellona, uscita arricchita ed ammodernata dai lavori di allestimento.

Torna ai contenuti | Torna al menu