Expo Universali - Le coniazioni ufficiali di Expo Milano 2015

Vai ai contenuti

Menu principale:

Expo Universali

La Storia > Le Esposizioni Universali

Le Expo sono state da sempre considerate come delle piattaforme privilegiate per la promozione della “produzione” dell’economia in senso lato, dove l’educazione dei cittadini ed il progresso delle nazioni sono state al primo posto dei loro obbiettivi.
In quanto avvenimenti profondamente radicati nella loro epoca, le Expo hanno mantenuto il loro obbiettivo educativo, modificando il loro centro di interesse al fine di riflettere lo spirito e gli interessi della comunità internazionale nel corso delle differenti epoche.
In un primo momento strumenti al servizio della promozione dell’identità nazionale, del progresso industriale, le Expo sono diventate oggi una piattaforma unica per il dialogo internazionale, per la diplomazia pubblica e per la cooperazione internazionale.
Di conseguenza, le Expo offrono ai visitatori una vera esperienza delle trasformazioni, permettendo un dialogo sempre rinnovato e senza interruzione con i cittadini, contribuendo a rafforzare la cooperazione tra i paesi.
Grazie alle Expo molte città e paesi ospitanti hanno ottenuto un incremento dei benefici con la crescita dell’impiego dei grandi progetti dell’infrastruttura, e con l’intensificarsi degli scambi internazionali.
Nello stesso tempo le Expo hanno avuto un effetto positivo, forse meno tangibile ma tanto potente per l’immagine, legato alla modernizzazione ed allo sviluppo culturale e scientifico.
Le Expo possono realizzare tutto ciò grazie alla loro capacità di trasmettere messaggi complessi e originali nei molteplici linguaggi della cultura, della diplomazia, del divertimento, della scienza, della tecnologia, dell’architettura, dei materiali, ecc.
Le Esposizioni Universali possono essere considerate gli avvenimenti più grandi dell’umanità; dal 1996 sono state organizzate ogni 5 anni ed hanno una durata di 6 mesi.
I partecipanti sono gli Stati, le Organizzazioni Internazionali, i rappresentanti della Società civile, le imprese.
La superficie del sito non è limitata ed i partecipanti possono costruire i loro propri padiglioni. Queste Expo vengono chiamate Universali poiché il tema scelto è un soggetto ampio e di carattere universale, di interesse comune a tutta la comunità internazionale.
Le Esposizioni Universali, denominate anche Esposizioni Internazionali Registrate sono le seguenti: 1935 BRUXELLES, 1937 PARIGI, 1939 NEW YORK, 1942 ROMA (mai realizzata), 1949 PORT AU PRINCE, 1958 BRUXELLES, 1962 SEATTLE, 1967 MONTREAL, 1970 OSAKA, 1992 SIVIGLIA, 2000 HANNOVER, 2010 SHANGHAI, 2015 MILANO
Praticamente per tutte queste esposizioni sono state realizzate monete o medaglie che restano a perenne ricordo di questi avvenimenti.
Il loro tangibile metallo non solo racconta gli eventi ma trasmette anche lo spirito e l’arte del tempo spesso in forme sublimi.

Torna ai contenuti | Torna al menu