Hannover 2000 - Le coniazioni ufficiali di Expo Milano 2015

Vai ai contenuti

Menu principale:

Hannover 2000

La Storia > Le Esposizioni Universali

La prima expo del terzo millennio si svolse in Germania, al debutto ufficiale per quanto riguarda l'organizzazione di una fiera internazionale, precisamente nella città di Hannover, importante piazza affaristica di livello mondiale, dal primo giugno al 31 ottobre 2000.
Il tema prescelto per l'evento fu "Umanità, Natura, Tecnologia", con particolare attenzione rivolta alle soluzioni per i futuri sviluppi tecnologici. L'area espositiva venne allestita nei 160 ettari della preesistente fiera cittadina, dove i 155 Paesi ed enti partecipanti presentarono i loro padiglioni a quasi 18 milioni di visitatori.
Le 46 nazioni africane idearono un unico padiglione, il dono dell'Africa. Originale la riproduzione di una fattoria di farfalle da parte del Kenya.
Grandi assenti furono gli Stati Uniti che, per la prima volta nella loro storia, decisero di non partecipare ad un'esposizione internazionale.
Il padiglione più grande, di ben 24.000 mq. di superficie, fu quello tedesco, mentre a destare maggiore curiosità furono il padiglione olandese e quello giapponese.
Il primo era un edificio di 6 piani su cui erano ricreati 6 differenti paesaggi culminanti in una terrazza con lago e mulini a vento, che producevano l'energia elettrica necessaria al funzionamento della costruzione stessa.
Il secondo, futuribile edificio interamente riciclabile, venne progettato dagli architetti Shigeru Ban e Otto Frei ed interamente costruito con carta e lacci di stoffa che sorreggevano 3 cupole armoniche.
In occasione dell'expo, le reti infrastrutturali e quelle dei trasporti subirono un drastico miglioramento che ebbe effetti positivi per gli abitanti di Hannover.
Inoltre, nell'area adiacente all'esposizione in parte ancora utilizzata per ospitare grandi eventi, fu realizzato il nuovo quartiere di Kronsberg, interamente composto da edifici a basso consumo energetico, in grado di abbattere drasticamente l'emissione di CO2.

Torna ai contenuti | Torna al menu