Il Platino - Le coniazioni ufficiali di Expo Milano 2015

Vai ai contenuti

Menu principale:

Il Platino

Caratteristiche

Il platino è utilizzato in questa Coniazione Platinum Edition con una purezza di 999/1000 e in una versione più prestigiosa con 5 brillanti incastonati, la Platinum 5 Diamonds Count Down.
Il metallo era noto da lungo tempo e usato dalle popolazioni precolombiane del Sudamerica.
Gli spagnoli chiamarono il metallo platino, in spagnolo "platina", diminutivo di plata, che significa argento, dunque piccolo argento, quando lo incontrarono per la prima volta in Colombia. A quell'epoca veniva considerato la parte impura dell'argento e spesso veniva gettato via.
A partire dalla prima metà dell'800 il platino divenne popolare, affascinando anche gli alchimisti, che continuavano a ricercare la formula per trasformare il piombo in oro.
Il Re di Francia Luigi XVI ne rimase talmente colpito da dichiararlo “l’unico metallo adatto ai Re”. Fu così che Re e Regine iniziarono ad indossare i gioielli in platino, considerato un metallo preziosissimo.
Il platino ha avuto un uso anche nella produzione di medaglie e monete; tra queste ricordiamo la prestigiosa serie russa in valori da 3, 6 e 12 rubli, emessa nel periodo compreso tra gli anni 1828 ed il 1845.
Queste emissioni non vennero però ripetute e successivamente il platino venne utilizzato per contraffare le monete d’oro, tenuto conto che il suo valore era di ¼ rispetto a quello del metallo giallo. Bisognerà attendere il XX secolo per ritrovare in tutto il mondo monete coniate in platino.
Il Platino, che ha simbolo Pt, peso atomico 195,084, durezza 3,5, è considerato uno dei più preziosi elementi in natura. Fonde ad alte temperature , non si ossida e resiste alla corrosione. Per le sue proprietà, i campioni di standards mondiali come il Metro e il Chilo sono realizzati in platino e conservati dal 1899 presso l’Istituto Internazionale di Pesi e Misure di Sevres, Francia.

Torna ai contenuti | Torna al menu